Zona di arram­pi­ca­ta Chal­chofo, St. Ger­man

This post is also avail­ab­le in: Deutsch Eng­lish Fran­çais

La zona di arram­pi­ca­ta è sta­ta att­rez­za­ta nel 2013 dal­la Scuo­la Alpi­na Bietsch­horn.
Sono pre­sen­ti 19 vie, lung­he tra i 6 e 16 metri, chio­da­te con spit e in sti­le plai­sir.
La fale­sia si tro­va a sud-est per­mettendo di arram­pi­ca­re tut­to l’anno anche se in esta­te nel pomerig­gio fa cal­do.
Stra­piom­bi e muri ver­ti­ca­li.

La fale­sia si tro­va su un ter­re­no pri­va­to, si pre­ga per­t­an­to di per­cor­re­re il sen­tie­ro descritto.
Acces­so da St. Ger­man (12 min.):
1) Dal gros­so par­cheg­gio di St. Ger­man / fer­ma­ta del­la pos­ta segui­re il sen­tie­ro in dire­zio­ne di Aus­ser­berg. Dopo la gola (cir­ca 5 minu­ti di cammi­no) alla pri­ma cur­va a sinis­tra segui­re una trac­cia di sen­tie­ro a des­tra.
2) Segui­re ques­ta trac­cia per cir­ca 40 minu­ti fino alla con­dut­tu­ra dell’acqua “Suo­ne”. Gira­re a sinis­tra e segui­re la con­dut­tu­ra per cir­ca 5 minu­ti; nel­la par­te sinis­tra le roc­ce nel pra­to div­en­ta­no visi­bi­li. Pro­ce­de­re fino all’altezza più bassa del­la par­te del­la pare­te stra­ti­fi­ca­ta. Attra­vers­a­re con caut­e­la il rec­in­to e quel­la zona, dove la con­dut­tu­ra vie­ne supera­ta da una gros­sa plac­ca di roc­cia.
Acces­so da Aus­ser­berg (22 minu­ti):
1) Dal­la sta­zio­ne di Aus­ser­berg. Dal par­cheg­gio per­cor­re­re il sot­to­pas­s­ag­gio del­la fer­ro­via di Aus­ser­berg (come per la zona di arram­pi­ca­ta Wolfs­blat­te); segui­re il sen­tie­ro in dire­zio­ne St. Ger­man. Dopo cir­ca 15 minu­ti si giunge in prossi­mi­tà di una pic­co­la cap­pel­la e cir­ca 50 metri dopo si giunge a una vec­chia casa. Dopo un fie­n­i­le, il sen­tie­ro svol­ta a des­tra ver­so una gola. In ques­ta cur­va a des­tra, segui­re la trac­cia ver­so sinis­tra. Lun­go ques­ta trac­cia per cir­ca 40 minu­ti fino alla con­dut­tu­ra “Suo­ne”. Gira­re a sinis­tra e segui­re il Suo­ne per 5 minu­ti, sul­la par­te sinis­tra le roc­ce nel pra­to div­en­ta­no visi­bi­li.
Pro­ce­de­re (fino all’altezza più bassa del­la pare­te stra­ti­fi­ca­ta) e attra­vers­a­re con caut­e­la il rec­in­to e quel­la zona, dove il Suo­ne è supera­to da una gros­sa plac­ca di roc­cia.

Topo del­la gui­da alpi­na Wiwan­ni 2020
Scroll to Top